21 Comments

  1. Chiara
    22 aprile 2011 @ 15:21

    Fantastici! Che carini che ti sono venuti!!! :-)))
    A casa mia la nonna li faceva pure, sai che erano molto simili…ed

    Reply

  2. Silvia
    22 aprile 2011 @ 16:01

    Chiara!…che carina che sei! :)
    Questa cosa della glassa avanzata

    Reply

  3. Rossana
    22 aprile 2011 @ 17:56

    Queste “cudduredde” sprizzano gioia e allegria, che ti auguro come leitmotiv di questa Pasqua ;)

    Reply

  4. manuela
    22 aprile 2011 @ 18:02

    un mio amico carissimo,siciliano verace e amante della cucina sicula,detto mi ‘a che ” no pupu cu l’ova ‘nna l’impastu ci va a saimi (strutto) no u burru. correggete gli ingredienti.

    Reply

  5. Elena
    22 aprile 2011 @ 18:15

    Silvia, che bel post! Qualche anno fa anche io sono stata alla presentazione di un libro di Marcella Croce e mi

    Reply

  6. Emanuela
    22 aprile 2011 @ 19:12

    Ciao Silvia, innanzitutto auguro una felice Pasqua anche a te e a tutta la tua famiglia. E poi che bel post, che bellissima ricetta tradizionale. Leggendo solamente il nome ovviamente non ci sarei mai arrivata .. ma non sono molto pratica dei dialetti !! Mi piacciono le ricette che ci ricollegano alla nostra storia, al nostro passato. Da questa ricetta traspare tutto l’amore che nutri per le tue radici. Ed

    Reply

  7. Paola Aiello
    23 aprile 2011 @ 05:08

    La facevamo questa tipo di biscotto piu grande con piu zucchero. Mi preferisco questa ricetta! Grazie! Buona Pasqua!

    Reply

  8. estrella
    23 aprile 2011 @ 11:04

    Ciao Silvia … sbircio qui e l

    Reply

  9. Silvia
    23 aprile 2011 @ 15:05

    @Rossana: Ti sono piaciute eh?
    @manuela: Come in tutte le frolle siciliane va lo strutto…a me lo strutto era finito, ho rimediato con il burro anche se a dirti la verit

    Reply

  10. symposion
    23 aprile 2011 @ 15:39

    anche noi da piccoli ne facevamo di simili e come eravamo contenti :)
    Buona Pasqua!

    Reply

  11. Le Rocher
    23 aprile 2011 @ 16:28

    Sono deliziosi, ti sono venuti benissimo!
    TAnti auguri di una serena e felice Pasqua.

    Reply

  12. Milena
    26 aprile 2011 @ 11:39

    Ciao, ti volevo gentilemte chiedere come sei riuscita ad ottenere un bel colore rosso per le uova. Io le ho provate tutte ma il risultato

    Reply

  13. elisa buccia di limone
    26 aprile 2011 @ 17:56

    Cara Silvia, io ho da pochi giorni realizzato il mio blog e proprio per pasqua ho postato anch’io una ricetta che ricorda le tue coddure cu l’ova. dalle mie parti, a ragusa, si utilizza una semplice pasta da pane. se passsi a fare un giro non inorridire per le foto!!
    Un caro saluto, elisa

    Reply

  14. Angela
    26 aprile 2011 @ 18:03

    Ciao Silvia!!! Bellissimi davvero! Anch’io li ho preparati per Pasqua e pubblicati sul mio blog… Pensa, da me a Matera si chiamano “Pannaredde” mentre in Puglia vengono denominati “Scarcelle”! Che bello riscoprire queste antiche tradizioni culinarie…:)

    Reply

  15. Silvia
    27 aprile 2011 @ 03:28

    @Milena: Le uova le coloro con il colorante alimentare, in questo link trovi il procedimento…ciao a presto! ;)
    https://www.kitchenqb.it/2010/03/uova-colorate-e-un-menu-per-pasqua.html

    @elisa: …invece le tue foto sono molto carine! Ho letto la tua ricetta dei “pupi” ti

    Reply

  16. aurora
    27 aprile 2011 @ 21:06

    Da noi a Caltagirone sono i PANAREDDI!!! Simbolo del rinnovamento e auspicio della buona stagione. si chiamano cos

    Reply

    • concetta
      8 aprile 2012 @ 21:39

      anche io sono di caltagirone e non mi dispiacerebbe confrontare la mia ricetta con quelle di Aurora.la mia

      Reply

      • Silvia
        11 aprile 2012 @ 17:45

        Concetta eccomi se posso esserti d’aiuto…
        Dunque se vedi la ricetta che ho pubblicato ha il burro al posto dello strutto (strutto che tra l’altro in questa ricetta non ho mai usato) e devo dire che il biscotto risulta abbastanza friabile. Potresti anche provare, cos

        Reply

    • Silvia
      11 aprile 2012 @ 17:47

      @Aurora: Ma che meraviglia! Per

      Reply

  17. Cristina
    7 settembre 2011 @ 12:30

    Dalle mie parti (prov. di Trapani) si usa una ricetta pi

    Reply

    • Silvia
      11 aprile 2012 @ 17:46

      Non sapevo si chiamasse anche Campanaro…interessante! ;)

      Reply

Leave a Reply